Death Note Wiki
Advertisement


Intento omicida (殺意 Satsui) è il decimo episodio della seconda stagione dell'anime di Death Note e il trentacinquesimo di tutta la serie.

Riassunto[]

Tutti sono coinvolti con i propri piani riguardo a Kira o al caso. Perfino Mello sta seguendo gli eventi, dato che controlla accuratamente ciò che fa Kiyomi Takada. Ad un certo punto, Takada chiama Mikami e al suo "ho verificato" decide di avvisare Light: gli scrive "mi manchi", come d'accordo per non far insospettire nessuno della task force. In questo modo Light sa che può incontrare Near tranquillamente. Gevanni contatta Near, gli dice che nulla è cambiato nel comportamento di Mikami e perciò Near decide di contattare lui stesso la task force: vuole incontrare Light. Light chiede allora come mai vorrebbe incontrare qualcuno che lui sospetta essere Kira. Ma Near risponde che ciò significa per lui mostrargli il volto e ciò permetterebbe di andare avanti con il caso. Aizawa capisce che la vera ragione è incastrare Light. Light accetta e Near stabilisce delle regole: devono essere presenti tutti i membri dei due team, Mogi sarà con la SPK e Misa verrà rilasciata, senza sapere dove le due squadre si troveranno. Inoltre Near fornisce loro il luogo dell'incontro, la Yellow Box, un edificio abbandonato, e dice loro di portare con sé il Death Note: vorrebbe lo portasse Aizawa. Near chiede infine di incontrarsi il 28 gennaio alle 13. Light accetta tutte le sue condizioni.

Il giorno dopo Kiyomi Takada si sta recando ad un evento quando si avvicina una macchina rossa guidata da Matt, che lancia un fumogeno e scappa via. L'agente Lidner cerca di portare Kiyomi in salvo all'interno ma uno sconosciuto in moto arriva e si offre di portarla in salvo. Poco dopo però Takada scopre che è stata rapita. Il rapimento viene reso pubblico e Light intuisce possa essere tutto un piano di Near ma lui non c'entra: i due intuiscono possa essere stato Mello ma non c'è alcun modo per contattarlo, dato che non risponderebbe. Matt nel frattempo cerca di scappare ma viene fermato e ucciso dagli agenti di Kiyomi.

Mello raggiunge una sorta di parcheggio abbandonato, dove c'è un tir ad aspettarli. A quel punto Mello si toglie il casco e ordina a Takada di togliersi tutti i vestiti. Astutamente lei riesce a tenere un foglio del Death Note che aveva precedentemente nascosto e ci scrive il nome di Mello, Mihael Keehl. Dopo la morte del rapitore, Kiyomi contatta Light e gli fa capire cosa è successo. Lui gli dice che deve continuare a uccidere più persone possibili mentre lui sta andando a salvarla con Aizawa e Ide.

Takada nel frattempo contatta Mikami e si fa mandare la lista di persone da giustiziare e lui intuisce che ha ucciso i suoi rapitori ma non si può muovere e decide di allontanarsi dal posto di lavoro. In tutto questo Light, nel retro della macchina, riesce a uccidere Kiyomi con un pezzo di Death Note nascosto e farle bruciare tutto, comprese le prove del quaderno e il corpo di Mello.

Regole negli intermezzi[]

  • "Nel Mondo degli Shinigami esistono alcune copie di ciò che nel Mondo degli Umani verrebbe definito un manuale per usare sulla Terra il Death Note. Tuttavia non è concesso cedere tale manuale a un essere umano."
  • "Uno Shinigami ha il pieno diritto di leggere il manuale e rivelarne i contenuti a un essere umano, di qualunque argomento si tratti."
Advertisement