Death Note Wiki
Advertisement


Beffa (嘲笑 Chōshō) è il settimo episodio della seconda stagione dell'anime di Death Note e il trentatreesimo di tutta la serie.

Riassunto[]

Near prende la decisione di andare in Giappone e nel frattempo la task force giapponese opta per il ritorno di Misa in TV, in modo tale da avere accesso ai programmi su Kira, con Mogi nei panni dell'agente di Misa. Quando stanno organizzando il piano, il team riceve una chiamata da Near che li avvisa di essere in Giappone e dato che ha dedotto che Light ha contattato Kiyomi Takada, gli chiede di riferirle un messaggio: degli agenti dell'SPK sono in Giappone per catturare Kira e spera che questo faccia uscire Kira allo scoperto. Inoltre aggiunge che in realtà ci sono solo quattro agenti dell'SPK, lui incluso, perciò questo potrebbe portare Kira a esporsi e sarà in quel momento che Near attaccherà. Light decide silenziosamente di accettare la sua sfida.

Near ragiona ancora sulle dinamiche: Light è "L-Kira" ma qualcun altro, "X-Kira", sta usando il quaderno della morte. Inoltre crede che i due non possano comunicare tra loro se non con l'aiuto di Takada.

Light incontra nuovamente Kiyomi ma la sorveglianza della task force si limita a cimici: i due infatti si scambiano informazioni attraverso appunti scritti mentre parlano, per non far insospettire gli agenti in ascolto. Light le chiede per messaggio di diventare il nuovo Kira e, dopo attimi di sorpresa, lei decide di accettare. Successivamente Kiyomi chiama Mikami, che sta ancora eliminando criminali, e gli dice di spedirgli, con tutte le precauzioni necessarie, cinque pagine del Death Note. Quando le riceverà, Mikami dovrà smettere di giustiziare i criminali.

Il programma Il Regno di Kira viene sostituito da quello di Kiyomi e nella prima puntata vengono rivelati le sue quattro guardie del corpo: Light intuisce che l'agente della CIA Halle Lidner faccia parte dell'SPK. Nel frattempo Near cerca di scoprire l'identità di X-Kira: qualcuno che conoscesse Takada e che avesse la stessa visione di Kira. Nota quindi Mikami, che coincide, caratterialmente, con quello che si aspettava Near.

Più tardi Near chiama gli agenti e chiede a Aizawa, con Light presente, riguardo alle misure di sorveglianza degli incontri tra Light e Takada e Aizawa gli conferma che vengono sorvegliati solo con audio. Questo conferma a Near che i due Kira stanno comunicando attraverso Takada e decide di concentrarsi su Mikami. Quindi manda un suo agente, Stephen Gevanni, a spiarlo ma non c'è nulla che possa renderlo sospetto. Tuttavia, mentre Gevanni segue Mikami su un treno, c'è un episodio di aggressione di un uomo su una ragazza. Allora Mikami fa qualcosa con il telefono, poi tira il fuori il Death Note, scrive qualcosa e poi esce dal treno. Poco dopo l'uomo muore.

Regole negli intermezzi[]

  • "Nell'eventualità che nel Mondo degli Umani ci siano sette o più Death Note, avranno effetto solo i primi sei capitati nelle mani degli umani."
  • "Il settimo Death Note non sortirà alcun effetto finché uno degli altri non perderà la sua efficacia, finendo bruciato o distrutto, o venga preso da uno Shinigami che lo riporti nel suo mondo."
Advertisement