Death Note Wiki
Advertisement


Giustizia (正義, Seigi) è il quinto episodio della seconda stagione dell'anime di Death Note, e il trentesimo di tutta la serie.

Riassunto[]

Near è convinto che la task force giapponese stia aiutando Kira e crede addirittura che il secondo L sia Kira stesso. Nel frattempo gli agenti stanno guardando la trasmissione Il regno di Kira, trasmesso dalla Sakura TV. Il presentatore è sempre Hitoshi Demegawa, che ribadisce che i crimini stanno diminuendo e la vita sta migliorando grazie alla giustizia di Kira. Poi Matsuda si ricorda del discorso che il Presidente degli Stati Uniti sta per dare e decidono di guardarlo. Il team, con l'eccezione di Light, è shockato quando sente la dichiarazione del Presidente: l'America si dichiara neutra e rispetta Kira. Questo inizia a far dubitare le convinzioni di Matsuda che si chiede se Kira sia effettivamente cattivo o no. Light non lo giudica negativamente perché è questione di punti di vista, ma il loro lavoro è quello di catturare Kira.

Successivamente l'agente dell'SPK Halle Lidner viene assalita a casa sua da uno sconosciuto, che si scopre essere Mello, con una nuova cicatrice sul volto a causa dell'esplosione. Lui usa Lindner come ostaggio per entrare nel quartier generale della SPK e nonostante sembri intenzionato a uccidere Near, gli chiede solamente la foto che ha di lui. In cambio Mello gli dice dell'esistenza degli Shinigami e gli dice che alcune delle regole del Death Note sono false. Con questa nuova informazione, Near inizia a pensarci e conclude che la regola falsa molto probabilmente è quella dei 13 giorni.

Near contatta Light e gli dice delle informazioni ottenute e della sua teoria. Aggiunge che vuole testare la regola, scrivendo il nome di Mello. Light e la squadra decidono di non essere d'accordo a provare la falsità della regola. Tuttavia Light intuisce che gli agenti stiano iniziando a dubitare della sua innocenza. Near aggiunge ulteriori sospetti quando chiede loro se il secondo L è mai stato sospettato di essere Kira. Infatti poco dopo, Light sente Ide dire a Aizawa che avrebbe preferito lavorare con Near e Aizawa gli riferisce del suo piano di visitare Near a breve. Come conseguenza delle azioni di Near, Light chiama il presidente degli Stati Uniti e lo minaccia di ucciderlo se non collabora e se non gli dà informazioni sui membri dell'SPK.

Nel frattempo Demegawa arriva a New York come messaggero di Kira e manda in onda un programma in cui viene rivelato il luogo del quartier generale dell'SPK, incitando inoltre la folla pro-Kira arrabbiata ad entrare nell'edificio per dare fine all'organizzazione. Misa guarda tutto dalla TV, pronta a uccidere Near non appena esce dal palazzo. Light, nei panni di L, contatta Near e lo informa che deve essere stata colpa di Mello, nonostante Near sappia che sta mentendo. Light è così convinto di aver vinto.

Regole negli intermezzi[]

  • "Se il possessore di un Death Note scrive erroneamente un nome per quattro volte, la vittima non potrà più essere uccisa per mezzo del Death Note. Tuttavia, colui che sbaglierà intenzionalmente a scrivere un nome per quattro volte, morirà."
  • "La persona il cui nome venga scritto volontariamente errato per quattro volte non diventerà immune al Death Note."
Advertisement