Death Note Wiki
Advertisement


Scambio (取引, Torihiki) è il terzo episodio dell'anime di Death Note.

Riassunto[]

Mentre la polizia giapponese sta riguardando le informazioni del caso Kira, Elle (sempre via laptop) dice loro che molto probabilmente Kira è uno studente. Inoltre, alla fine dell'incontro chiede alla polizia di ricercare se i volti delle vittime erano stati resi pubblici prima della loro morte.

Quella sera, Light sta aiutando Sayu, quando loro padre torna a casa: è Soichiro Yagami, il capo della polizia. Infatti Light riesce a capire ciò che la polizia sa riguardo al caso Kira, hackerando il computer del padre. Lette le informazioni, decide di manipolare l'orario della morte dei criminali, in modo da riempire anche i momenti della giornata in cui è impegnato dalla propria routine.

Nell'incontro successivo, viene rivelato che Kira ha ucciso 46 persone nei due giorni precedenti, tutti a distanza di un'ora. Ciò fa capire a Elle che Kira può innanzitutto controllare il l'orario della morte e che ha accesso alle informazioni della polizia.

In realtà Light prevede già cosa potrebbe pensare Elle: lui inizierà a sospettare della polizia ma quando i poliziotti scopriranno che Elle sta investigando su di loro, si arrabbieranno, perderanno fiducia in lui e ciò potrà aiutare Light a eliminarli.

Nel frattempo, degli agenti dell'FBI richiesti da Elle per investigare sul personale della polizia arrivano in Giappone e uno di essi inizia a seguire Light (e Ryuk, nonostante non possa vederlo). Ryuk se ne accorge e decide di rivelarlo a Light per puro interesse personale, perché infastidito dallo sguardo continuo dell'uomo. Inoltre dice chiaramente di essere neutrale nella "sfida", non vuole favorire né Light né Elle. Il discorso continua a casa e Ryuk spiega che ormai gli Shinigami scrivono i nomi delle persone sui propri quaderni della morte con il solo obiettivo di allungare la propria vita. Sono in grado di farlo perché gli Dei della Morte possono leggere il nome degli umani sulle loro teste, semplicemente guardandoli, con la rispettiva data di morte. Ogni volta che uno Shinigami scrive un nome di una persona, si prende il numero di anni che sarebbero rimasti da vivere all'umano, aumentando così la propria vita e dichiara che però non funziona così per gli umani.

In quest'occasione Ryuk parla a Light dello scambio degli occhi dello Shinigami: il Dio della Morte può dare il potere che hanno i suoi occhi in cambio di metà degli anni che rimangono da vivere all'umano con cui fa lo scambio.

Regole negli intermezzi[]

  • "Nel momento stesso in cui il quaderno tocca il suolo del mondo umano, diventa di sua appartenenza."
  • "Il proprietario del quaderno può distinguere l'immagine e la voce del suo proprietario originale, ovvero del Dio della Morte."
Advertisement