Death Note Wiki
Advertisement


Matsuda (松田, Matsuda) è il diciannovesimo episodio dell'anime di Death Note.

Riassunto[]

Touta Matsuda si sente inferiore agli altri membri della task force. Perciò, mentre Misa sta girando una scena con Hideki Ryuga, Matsuda si dirige verso l'edificio della Yotsuba e ci entra, con la speranza di trovare qualche indizio per le indagini.

Al quartier generale di Elle, Light inizia a dubitare di sé e si chiede come avrebbe potuto uccidere qualcuno conoscendone solo il nome e il volto. Nel frattempo. Watari dice alla squadra che il secondo detective più bravo al mondo dopo Elle, Eraldo Coil, con il sostegno della Yotsuba, vuole che venga rivelata l'identità di Elle. Tuttavia Elle dice loro che lui impersona con nomi diversi i primi tre detective più bravi al mondo, quindi non c'è pericolo. Concludono che la Yotsuba è effettivamente legata a Kira, in qualche modo.

Matsuda, nel frattempo, si è infiltrato nell'edificio della Yotsuba e riesce a ascoltare parte di una riunione in cui sente parlare di Kira. Viene scoperto ma riesce a scampare la morte imminente grazie al ruolo di agente di Misa: dice loro che la vuole proporre come modella della loro campagna pubblicitaria. Viene tenuto sotto osservazione mentre gli altri membri decidono cosa fare di lui e viene chiamato da Elle, che aveva ricevuto il suo segnale di pericolo, inviato grazie alla cintura. Elle capisce che Matsuda si trova nei guai e studia un piano. Nel frattempo Light riesce ad avvisare Misa della situazione e lei riesce ad andare in aiuto a Matsuda. Per festeggiare l'assunzione di Misa, i membri della Yotsuba coinvolti vengono invitati nell'appartamento di Matsuda, dove sono presenti diverse modelle per "intrattenere" gli ospiti: Matsuda riesce a nascondersi in bagno per parlare con Elle, che gli spiega il piano che ha organizzato.

Dopo un po' di tempo, Matsuda esce dal bagno, facendo finta di essere ubriaco, e si dirige verso il balcone, sale sul muretto e cade, inscenando la propria morte: infatti, al piano di sotto viene posizionato un materasso che possa prenderlo e un'ambulanza, con Elle e Light, si occupa di recuperare il finto cadavere, impersonato da Aiber. Credendolo morto, i membri della Yotsuba sono sollevati del fatto che non se ne debba occupare Kira.

Due settimane dopo, la Yotsuba group ha un altro incontro. Tuttavia, uno dei membri, Arayoshi Hatori, spaventato, dice loro che ha paura che vengano scoperti e non vuole pagare per le azioni di Kira con la sua vita. Gli altri gli dicono che probabilmente morirà il giorno seguente, per aver detto una cosa simile. Realizzando che si tratta molto probabilmente della verità, Hatori ceca di convincerli si trattasse solamente di uno scherzo ma nessuno ci crede.

L'incontro successivo viene monitorato dalla task force, che grazie all'aiuto di Wedy, lo riesce a seguire con telecamere e cimici. Soichiro però nota che sarebbero dovute essere presenti otto persone, ma ne contano solo sette.

Regole negli intermezzi[]

  • "Qualora il quaderno venga rubato, e il proprietario ucciso dal ladro, la proprietà del quaderno passa automaticamente a quest'ultimo."
  • "Qualora il nome di una vittima sia indicato su due o più quaderni, avrà la priorità il quaderno su cui è stato scritto prima, indipendentemente dall'ora prevista per il decesso."

Curiosità[]

  • Come si sente nell'episodio, la suoneria di Matsuda è Alumina, la prima sigla di chiusura degli episodi.
Advertisement